Organizzazione Palii, giostre medievali  e ricostruzioni  storiche

PER INFORMAZIONI  info@laspadanellarocca.it     cell.: Sig. Giorgio Fornero 3488740856

E' finito con il successo dei Viola di Borgo Rossetti il Palio dei Borghi del 2011, l'edizione che ha visto il maggior numero di spettatori di sempre. Grande infatti č stato il successo di questa X edizione che ha visto l'alternarsi nell'Arena di Piazza Castello e palazzo D'oria i 6 borghi storici della Cittą che si sono contesi la Spada nella Rocca. Ha vinto e dominato tre gare su 6 il Borgo nuovo Rossetti che ha primeggiato nel Tiro alla fune, nel Tiro con l'arco e nella staffetta. Per San Rocco le due vittorie nelle Tenzoni equestri , mentre vince il premio di miglior Corteo Storico il Borgo S. Martino. Ma i veri vincitori sono stati gli organizzatori che hanno reso possibile un grande evento davanti ad una cornice di pubblico straordinaria, che ha tifato per i propri colori con una passione unica.

Vincitore del II° palio delle Cittą Medievali il Cavaliere di Castellamonte, Pierfranco Ballesio

classifica finale palio dei borghi 2011

ed ecco un ricordo do quello del 2007

 

 

                  

RIEVOCAZIONE STORICA 2011

Nel 1300 la zona del basso Canavese e delle valli di Lanzo era contesa tra i Savoia e i Monferrato. Il marchese del Monferrato Guglielmo VII della famiglia degli Aleramici, uno dei pił potenti signori ghibellini dell’Italia settentrionale, non poteva accettare di buon grado veder accrescere al di qua delle alpi la potenza dei conti di Savoia. I signori di Monferrato erigendo rocche e castelli, avevano assicurato ai loro possedimenti in Piemonte e nel Canavese una resistenza contro l’espansione dei conti Sabaudi. Il castello di Cirič rientrava in tale logica. Guglielmo VII mori nel 1292 prigioniero della cittą di Alessandria che si era ribellata ai Monferrato. Il titolo di marchese passa al figlio Giovanni I detto “il giusto”.

Margherita di Savoia figlia del conte Amedeo V detto “il grande” appena giovinetta ed ottenuta l’emancipazione aveva sposato nel Giugno del 1296 Giovanni I marchese del Monferrato anch’egli giovanissimo. Le nozze, celebrate nel castello di Rivoli importante residenza cisalpina dei Savoia, permisero una pace duratura tra i Savoia ed i Monferrato.

Nel 1300 gli abitanti di Lanzo, Cirič e Caselle prestarono giuramento di fedeltą alla Marchesa Margherita davanti a testimoni ed al notaio Brochus alla presenza di Giovanni I e del procuratore della marchesa, Benedetto Alliaudi di Susa.

Purtroppo il matrimonio durņ pochi anni Giovanni I morģ, forse avvelenato, nel gennaio del 1305 nel castello di Chivasso; si estinse cosģ la famiglia degli Aleramici.

Per decreto testamentario l’ereditą venne assegnata a Teodoro detto il Paleologo figlio dell’Imperatore d’oriente e di Jolanda sorella di Giovanni I, figlia di Guglielmo VII.

Il marchesato viene affidato temporaneamente al Marchese Manfredo di Saluzzo della stessa famiglia degli Aleramici.

Nel marzo del 1305 assegna a Margherita l’usufrutto perpetuo vedovile della rendita delle tre castellanie: Cirič, Caselle e Lanzo, con diritto di giurisdizione e di governo su tutto il territorio.

La Marchesa Margherita di Savoia giunge a Cirié per fissare nel castello che ha scelto come dimora, prendendo cosģ personalmente possesso delle tre castellanie, che da oggi vengono a formare un piccolo stato sul quale potrą esercitare la propria autoritą in autonomia.

Il castellano Amedeo Cavalerio, fiduciario di Margherita, č presente con i notabili di Cirič per accogliere la Marchesa nella sua dimora; viene indetta una tenzone fra i Borghi della cittą, affinché il Borgo vincitore sia il protettore e difensore della marchesa Margherita, la quale ha sempre accanto a sé la spada dell’amato marito, Giovanni I.

Con il suo arrivo a Cirič la marchesa Margherita di Savoia promette al popolo di rivede obblighi, dazi e corvate con giuste franchigie e di emanare degli Statuti favorevoli per tutti. Ogni anno a Cirie si rievoca l’arrivo a Cirié della marchesa Margherita, mentre ogni 2 anni si celebra il Palio fra i 6 borghi della cittą ed il Torneo delle cittą medioevali che vede coinvolte altre 15 cittą oltre Cirič in tenzoni a cavallo per conquistare i favori della Marchesa 

[Margherita di Savoia nel 1307 concederą i primi Statuti e con atto notarile stabilisce delle Franchigie su tasse e imposizioni (corvate e leide) ai cittadini ciriacesi]

Sito in costruzione 

  I NOSTRI CAVALIERI            diego

Hit Counter

.

23 maggio 2010 vigliano D'asti (AT)